Elettra – (έιλή, Heile, Fuoco)

  • Il primo elemento
  • Punto cardinale: Sud
  • Stagione: Estate

Il fuoco racchiude in sé il principio maschile, che tutto permea e tutto vivifica, che inciterebbe ad un’azione distruttrice, se non fosse moderato dagli altri elementi. La forza distruttrice del fuoco può essere benefica in quanto legata alla sua funzione purificatrice.

Nel culto degli Dei Romani, il fuoco è un bene poiché scalda la casa.

  • Carattere

Irrequieta ed impulsiva, diventa pericolosa se stuzzicata. Sua inconsapevole alleata è Ariel, un suo alito può darle una tale forza da distruggere ogni cosa. Va tenuta sempre sotto controllo da Mira. Sebbene tra le due ci sia rivalità, Elettra la stima poiché con lei condivide il senso di famiglia.

Elettra è una ragazza di circa 25 anni, ha un temperamento esplosivo e irriverente. Vuole provare tutto su questa terra e non ha alcun tipo di timore a spingersi anche in situazioni pericolosissime. Non ha inibizioni e prende le decisioni senza pensarci troppo.

ARIEL – (άήρ, Aer, Aria)

  • Il secondo elemento
  • Punto cardinale: Est
  • Stagione: Primavera

Penetra ogni corpo, fornisce materia per i sogni ed i presagi.

Rappresenta il punto di contatto tra spiritualità e materia.

Carattere

Sapendo attraversare naturalmente i corpi, Ariel è l’elemento più neutrale del gruppo. Un suo intervento di mediazione è decisivo nelle situazioni difficili. La sua neutralità la porta ad essere inconsapevole, quasi svampita. Tra gli elementi è quello che più va d’accordo con l’oracolo, è il traduttore dei suoi pensieri.Visto che l’oracolo non entra mai in contatto con gli umani, i suoi “dogmi” sono impossibili da applicare, ma Ariel riesce a tradurre in fattibile e applicabile il pensiero dell’oracolo.

ARIEL ha 32 anni portati splendidamente. È decisamente la più riflessiva del gruppo ed è difficile vederla infuriata. I suoi tratti somatici orientali la descrivono perfettamente. Ama rilassarsi cospargendosi il corpo di essenze e, chiudendo gli occhi, volare con la fantasia. Il rapporto con l’umano è distaccato e all’apparenza freddo (solo perché lo considera un essere inferiore). La sua debolezza più marcata è la musica, tanto che si accompagna anche sessualmente con un umano in grado, con le sue performance, di farla volare.

La sua più grande amica è Mira; tratta Elettra con sufficienza, e vive un rapporto di odio e amore con Gaia.

 

Mira – (ύδωρ, Hydor, Acqua)

  • Il terzo elemento
  • Punto cardinale: Ovest
  • Stagione: Autunno

Simbolo di purezza, Mira è un mezzo per unire l’essere umano al mondo divino (nel Corano è l’origine della vita e casa di Dio), una materia prima che continua ad offrirsi agli uomini non solo come un mezzo per vivere, ma anche come uno specchio per “riflettere” su sé stessi. Le acque sono associate alla morte.

Carattere

L’acqua è sempre in movimento, agitata, se l’acqua è calma diventa presagio di sventura. Ha il potere di far riflettere gli uomini, questo dono è efficace anche sugli altri tre elementi. Nonostante rappresenti la purezza, sa essere infida. Grazie al suo potere, all’occorrenza diventa subdola. Si insinua persino nella roccia, a lungo andare, lentamente, la corrode, modellandola a proprio piacimento.

Gaia – (Γαια, Gea, Terra)

  • Il quarto elemento
  • Punto cardinale: Nord
  • Stagione: Inverno

Simbolo della natura e dell’elemento femminile, a lei è attribuita la nascita. Madre e moglie di Urano, non esitò a scagliargli addosso il figlio Cronos, il quale lo castrò con una falce uscita dalla costola di Gea.

Carattere

Gaia è solida e accogliente ed in sé racchiude tutti gli altri tre elementi. Calma, pacata e gentile nei modi, la sua voce è quasi un sussulto, le sue movenze sono lente e pacate. L’atteggiamento è marcatamente materno, infatti tende a trattare tutti come dei figli. Come tutte le mamme, è pronta a morire per la prole, quindi all’occorrenza sa essere spietata, ma mai direttamente, per attaccare usa sempre altri soggetti.